02 dicembre 2020

Non insegnate ai bambini



Non insegnate ai bambini
non insegnate la vostra morale
è così stanca e malata
potrebbe far male
forse una grave imprudenza
è lasciarli in balia di una falsa coscienza.

Non elogiate il pensiero
che è sempre più raro
non indicate per loro
una via conosciuta
ma se proprio volete
insegnate soltanto la magia della vita.

Giro giro tondo cambia il mondo.

Non insegnate ai bambini
non divulgate illusioni sociali
non gli riempite il futuro
di vecchi ideali
l'unica cosa sicura è tenerli lontano
dalla nostra cultura.

Non esaltate il talento
che è sempre più spento
non li avviate al bel canto, al teatro
alla danza
ma se proprio volete
raccontategli il sogno di
un'antica speranza.

Non insegnate ai bambini
ma coltivate voi stessi il cuore e la mente
stategli sempre vicini
date fiducia all'amore il resto è niente.

Giro giro tondo cambia il mondo.
Giro giro tondo cambia il mondo. 

(Giorgio Gaber)


06 novembre 2020

01 maggio 2020

Archetipi Psicologici: Aragorn - Re degli Uomini



"Restate fermi! Restate fermi! Fratelli miei, vedo nei vostri occhi la stessa paura che potrebbe afferrare il mio cuore. Ci sarà un giorno in cui il coraggio degli Uomini cederà, in cui abbandoneremo gli amici e spezzeremo ogni legame di fratellanza. Ma non è questo il giorno. Ci sarà l'ora dei lupi e degli scudi frantumati quando l'Era degli Uomini arriverà al crollo. Ma non è questo il giorno. Quest'oggi combattiamo! Per tutto ciò che ritenete caro su questa bella terra vi invito a resistere, Uomini dell'Ovest!"

L'Energia Creatrice va dove va il nostro Focus (la nostra Attenzione).


Come in ogni racconto o favola, ciascun personaggio rappresenta un Archetipo, una forma primordiale di Energia che si esprime attraverso pensieri, emozioni, parole e azioni.
Galdalf, lo Stregone -prima Grigio e poi Bianco- rappresenta la Saggezza, la Conoscenza Antica e il Potere Magico.
Gli Elfi sono esempi di Purezza, Rettitudine e capacità psichiche quali il Sentire e l'Intuito. Nel caso specifico di Galadriel, la Dama dei Boschi, essa manifesta il contatto con la Natura e il Potere Femminile.
Il Nano Gimli e il suo popolo sono, invece, esempi di praticità, determinazione, cocciutaggine, dedizione al lavoro, mancanza di fronzoli.
Gli Hobbit, o mezz'uomini, sono coltivatori amanti della Terra e della Natura, semplici, genuini e ingenui. Frodo e prima di lui, Bilbo, sono i soli a resistere il più possibile all'influenza malefica dell'Anello del Potere, nonostante lo abbiano indossato e portato con loro per lungo tempo.
Sauron, il signore e stregone Oscuro a capo degli Orchi (schiere di soggetti guidati da una mente alveare che rispondono e obbediscono supinamente solo al volere del Capo, dell'Alpha), manifesta l'assenza di cuore, la mancanza di Coscienza, la crudeltà, la spietatezza, l'egoismo e un modo predatorio di concepire l'esistenza, che porta alla separazione e alla distruzione.
Ogni Archetipo è presente (a livello macro) nella società, ma soprattutto dentro ognuno di noi (a livello micro). Se non si è integrata l'Oscurità dentro, servirà a poco combatterla in un qualsiasi modo all'esterno.

Arrivando ad Aragorn, egli è il discendente di una stirpe di uomini antichi, beneficato di una lunga vita, e appare molto più giovane rispetto alla sua età. Cresciuto nei boschi fra gli Elfi, ne ha appreso e assorbito le capacità psichiche e di guarigione. Nella storia è l'unico che riesce a mediare fra tutte le razze: è amico di Uomini, Elfi e Nani (che bisticciano fra loro per questioni di potere e vecchi rancori) e riesce a riunire tutti sotto un'unica bandiera. Ha in sé le qualità di ogni razza. Pur essendo l'unico erede dei Re dei tempi antichi, veste abiti poveri, manifesta incredibile Umiltà, immenso Coraggio e Forza.
Come Gandalf e Galadriel riesce a mantenere la Presenza e Lucidità sufficienti a rifiutare di appropriarsi dell'Anello del Potere anche quando gli viene offerto spontaneamente. È colui che quando tutti perdono la Speranza, infonde il Coraggio e la capacità di non arrendersi. Persino Gandalf -che ha attraversato infinite ere, epoche e battaglie- in diversi momenti viene rinCuorato da Aragorn e spronato a non mollare, a non cedere alla paura e all'oscurità, a mantenere la Fiducia. Non esce lamentela dalla bocca di questo Archetipo, tuttavia è capace di Empatia enorme e di comprendere il disagio e la posizione di chiunque. "Dicono che non c'è speranza, che moriremo tutti" gli dice un ragazzino prima di una disperata battaglia, e lui risponde "C'è sempre Speranza".

Qualunque sia la posizione e l'idea che abbiate su quanto stia accadendo...
Auguro ad ognuno di essere in grado di scorgere la Bellezza, l'Umanità e l'Utilità dietro a ogni "Archetipo" che si manifesta tramite le affermazioni e i comportamenti su cui posiamo la nostra attenzione.

Se nessuno si fidasse mai e in alcun modo delle autorità, il vivere quotidiano diverrebbe un inferno nel quale ricercare sempre e solo fuori la colpa della nostra infelicità, anche quando il Sistema centra poco o niente con ciò che avviene nella propria vita.

Allo stesso modo se non ci fossero "paranoici" che scorgono e investigano sul complotto, dovessimo trovarci davvero all'interno di una manipolazione, nessuno se ne accorgerebbe, con tutte le conseguenze del caso. Ricordo che schierarsi contro l'Autorità e il Comune Pensiero richiede anche molto Coraggio nell'affrontare insulti e scherni, sentimento che invece non è necessario nell'allinearsi e conformarsi alla maggioranza e al pensiero comune, e nel dare contro -con assoluta supponenza- a chi sta al nostro livello "gerarchico".

Qualunque sia la Verità, di cui io non ho effettivamente ALCUNA CERTEZZA...
Auguro ad ognuno di mantenersi sempre sul confine del Dubbio, in equilibrio fra Fiducia e Occhi ben Aperti, e di non cascare in una guerra fra poveri, in un Divide et Impera, manovrati dall'ego e dagli istinti più bassi.
Auguro ad ognuno di noi di avere la Forza, l'Intelligenza e l'Empatia per comprendere la sofferenza, il disagio e la posizione altrui, senza per questo sacrificare immediatamente la propria, ma anche senza entrare rapidamente e arrogantemente in giudizi quando non si conosce la storia, il vissuto e l'esperienza degli altri.

Tempi intensi e pieni di prove aspettano le nostre consolidate abitudini, saranno tempi in cui sarà necessario attingere ad ogni Risorsa e Abilità Interiore. Saranno tempi in cui sarà indispensabile, d'istante in istante, fare la scelta che richiede più Cuore, Coraggio e Amore, nel mettere da parte la voglia di avere ragione e Aiutare (se capiterà l'occasione e se ne avrà la possibilità) anche chi non è della "mia fazione" o "della mia idea".


"C'È SEMPRE SPERANZA"

27 aprile 2020

Femminile Sacro: Apparenza, Bellezza ed Estetica ai tempi del Covid 19

Galadriel - Dama dei Boschi


Questa Emergenza (cioè un evento che fa emergere ciò che era sommerso e nascosto, sia per quanto riguarda risorse, capacità e talenti, ma anche ombre e paure) oltre a innescare riflessioni sulla vita, sull’economia, su ciò che conta davvero, porta a galla anche qualcosa che riguarda le convinzioni, gli schemi di pensiero e le illusioni riguardo all’esteriorità, all’apparenza, alla stima di sé.
Truccarsi, tingersi i capelli, curare il proprio abbigliamento, curare il proprio aspetto e il proprio corpo sono cose che hanno valenza differente in base all’Intenzione e quindi allo Spazio Emotivo/Energetico da cui si manifestano.
A un’ottava energetica/percettiva/coscienziale più bassa, prestare una grande attenzione alla “superficie” e al proprio aspetto, è un qualcosa manovrato da insicurezza, mancanza di autostima, ricerca di approvazione e approvvigionamento narcisistico, e competizione con altre sorelle. Non mi piaccio, e allora uso il trucco (ma è solo un “trucco”), faccio la tinta, vado in palestra o faccio sport per far apparire sodo il corpo e la sua muscolatura, “mangio sano” e sto a dieta per non sembrare grassa e non far vedere la ciccia della pancia, uso la chirurgia estetica per mostrare una pelle liscia e più giovane, mi vesto in modo estremamente provocante e così via.
A un’ottava energetica/percettiva/coscienziale più alta curare il proprio corpo e il proprio aspetto parte spontaneamente come forma di Rispetto (etimologicamente questa parola significa avere Cura e Riguardo) e Amore per sé stesse, ma anche per gli altri fratelli e sorelle che possono Beneficiare, attraverso la mia Presenza, della Bellezza che emano e che parte innanzitutto da una forma di Cura della propria Salute sia Fisica che Psiche-logica. (Psiche in greco significa Anima).
Nella mia esperienza, ho notato come nel femminismo estremo si vadano a creare, per esempio, cerchi o gruppi di donne, che non avendo un buon rapporto con l’energia maschile e paterna, si vantano della loro trascuratezza e sciatteria per andare “contro” alla dittatura maschilista/patriarcale. Tuttavia, mia opinione, rinnegare un’energia che è comunque presente in ogni donna (come quella femminile è presente anche in ogni uomo) è solo una prima fase di presa di Consapevolezza che parte da una rabbia covata e non espressa e/o integrata che porta ad attuare un comportamento ribelle, ma che non produce Armonia né dentro di sé, né al di fuori. Questa argomentazione non nega in alcun modo sofferenza, ingiustizie e compressione che il FEMMINILE SACRO ha attraversato nella storia e in varie società, ma semplicemente vuole porre le basi per una sua Manifestazione Armonica.
Non sono una donna, e non so cosa significhi stare in un corpo femminile, tuttavia ho un buon rapporto con l’energia femminile che mi permette di avere empatia e sensibilità maggiormente accentuate, anche rispetto a certe donne.
Vi offro la prospettiva di un Uomo a riguardo della Bellezza, dell’Essenza e dell’Esteriorità.
Non avevo bisogno di una quarantena per passare la maggior parte del mio tempo in solitudine e in silenzio, accadeva già prima. Questo comporta nella mia vita una salutare e accurata scelta di come dispongo del mio tempo e della mia energia, e di conseguenza delle persone con cui condividerli. Ho attraversato periodi della mia Vita nei quali -mosso da vuoti interiori, senso di insoddisfazione e mancanza di stima per me stesso- ero portato a cercare di sedurre e piacere a qualsiasi donna. In qualcuno questo atteggiamento può sfociare in una specie di disturbo istrionico della personalità (l’istrione nell’antica Roma era un mimo o ballerino). L’effetto che si ottiene è l’opposto, cioè essere allontanati, specialmente da chi è più centrato, luminoso, magnetico e sano, e al massimo attrarre chi, prima o presto, rispecchierà in una qualche maniera la mia insicurezza.
Ci sono istinti e pulsioni che esistono e avvengono naturalmente nel nostro apparato psicofisico, non vanno giudicati, ma compresi, e seguirli e assecondarli, sempre e comunque, non è una forma di libertà, ma di prigionia interiore. Maggiore è la capacità di Auto-Osservazione, Presenza, Apertura di Cuore e Amore per sé stessi, minore sarà il potere magnetico che potrà suscitare una scollatura, un paio di natiche, delle labbra carnose, degli zigomi sodi ecc. ecc., poiché se si amplia la capacità di Sentire la Consistenza e l’Energia delle persone, o delle Anime, la “superficie” non risulta più attraente se veicola un’energia d’insicurezza e ricerca di attenzione, e quindi paura.
Conosco donne più anziane o più giovani di me, che -aldilà del peso che segna la bilancia o dalla misura del seno- posseggono Sensualità, Potere Personale e Magnetismo che derivano dalla loro Semplicità, Purezza, Umiltà, Cuore, Intelligenza, Sicurezza, e quindi Amore per sé stesse .
Concludo permettendomi un consiglio non richiesto. Iniziate ad Amare il vostro corpo com’é. Potete ripetervi come promemoria che “Se non vedo Bellezza in ciò che già sono, è solo perché non ho occhi per Vedere ”. Una buona cosa può essere guardare a ogni parte del proprio corpo come a una creatura, che se svilita e svalutata soffre (e quella Sofferenza poi la dovrete Sentire e Gestire Voi). Chiudete gli occhi e accarezzatevi come vorreste che fosse fatto e parlatevi come vorreste che fosse fatto. Nella mia esperienza, non si può pretendere che qualcuno “là fuori” ci Ami se nemmeno noi siamo in grado di farlo. Se non avete un buon rapporto col vostro ventre, il vostro seno, il vostro viso, i vostri capelli, la vostra vagina (o Sacra Yoni, il Portale della Vita e del Piacere ad un Ottava percettiva/sensoriale superiore), le vostre gambe, la vostra pelle e ogni cellula del vostro corpo, ciò si ripercuoterà sulle situazioni e sugli incontri che la Vita andrà a proporvi, o voi stesse andrete a cercavi. Quando non ci si ama, si è capaci di tollerare comportamenti e atteggiamenti estremamente irrispettosi, pur di ottenere un po' d'elemosina d'Amore.
Si può iniziare accogliendo e accettando la propria fragilità e le proprie voci interiori di insoddisfazione, osservarle, ascoltarle, sentirle in uno stato di pura Testimonianza, lasciarle essere, e poi lasciarle andare, lasciando spazio anche a parti più dolci e Amorevoli.
Ciò che, successivamente, conseguirà nelle vostre scelte e nei vostri comportamenti e atteggiamenti riguardo all’Estetica, qualunque essi siano o saranno, verranno guidati da Armonia e Amore.
“Non togliermi neppure una ruga. Le ho pagate tutte care.” 
(Anna Magnani - Rivolgendosi alla truccatrice)
"Innamorati di te, della vita e dopo di chi vuoi." (Frida Kahlo)

10 aprile 2020

Anima (Ricordati di Te)



Si ringraziano Andrea Mini (Editor Video); Paolo Redealli (Fonico e Artigiano del Suono) e Nicola Dell'Oro (Musicista) di @sound_factory_music

Precipitato da un Regno di Luce
mi ritrovo in un corpo di carne.
Avvertire un grande Potere
e non sapere che farne.
Paura, tristezza e dolori
debolezza, arroganza e illusione.
Dimentico il grande dono
di esistere in questa Visione.

Esser qui (poter sbagliare)
Esser qui (poter fallire)
Esser qui (poter cadere)
Esser qui (imparare)

Fratello e Sorella di Luce
Anima eterna e infinita
Limiti, rabbia e sconforto
distraggono da vera vita.
Il Gioco è stato creato
per contenere ogni cosa:
sfide, ostacoli e prove,
l'esperienza non sempre è gioiosa.

Esser qui (e soffrire)
Essere qui (e affrontare)
Esser qui (per Sentire)
Esser qui (esperire)

In questa grande avventura
che noi chiamiamo Esistenza
attraversi l'ombra profonda
riscopri la vera presenza.
Talenti nascosti e celati
che danno colore alla vita.
Spalanca il Cuore e Sorridi,
puoi guarire qualsiasi ferita.

Anima (Lascia Andare)
Anima (puoi Sbagliare)
Anima (puoi Creare)
Anima (puoi Amare)
Anima (puoi Giocare)
Anima (puoi Danzare)
Anima (puoi Cantare)
Anima (puoi Fluire)
Anima (Lascia Andare)
Anima (puoi Sbagliare)
Anima (puoi Creare)
Anima (puoi Amare)

Ricorda queste parole
nient'altro c'è da sapere:
Forza, Coraggio e Amore,
nel Cuore c'è il Vero Potere

08 aprile 2020

Fra Complottismo e Ingenuità: Discernimento

Questo post sarà lungo, lungo quanto mi sarà necessario per argomentare.
Per quasi 3 anni, avendo compreso che è meglio tacere -e sembrare distante o senza idee- piuttosto che comunicare partendo da uno spazio di confusione - e togliere agli altri qualsiasi dubbio sulla mia stupidità- ho condiviso quasi esclusivamente immagini, accompagnate da singole parole o aforismi, e musica, anche perché sento una certa responsabilità riguardo all’energia che emana qualsiasi contenuto io possa diffondere nell’inconscio collettivo. Cioè tendo a preferire la condivisione di qualcosa che emana sensazioni vicine alla pace, all'amore, all'armonia.
Ciò che vado a scrivere è solo il personale RACCONTO che emerge dalla mia esperienza e correlazione di dati e quella che io ritengo essere semplice Intuizione data dal mio Sentire.
Mi piace molto il pensiero Socratico:“Io so di non sapere”, la cosiddetta “Docta Ignorantia”. Platone ci racconta come Socrate (https://it.wikipedia.org/wiki/Socrate), dopo che l’Oracolo di Delfi -interpellando la Divinità-gli disse che egli era il più sapiente di tutti gli uomini, non sentendosi tale, e volendo trovare una prova che smentisse Dio, discusse coi politici più dotti (gli amministratori della polis, della città-stato), e si accorse che non erano così sapienti:
“Ebbene, o cittadini ateniesi, – a voi devo pur dire la verità, – questo fu, ve lo giuro, il risultato del mio esame: coloro che avevano fama di maggior sapienza, proprio questi, seguitando io la mia ricerca secondo la parola del Dio, mi apparvero, quasi tutti, in maggior difetto; e altri, che avevano nome di gente da poco, migliori di quelli e più saggi.“ Poi si confrontò coi poeti, leggeva le loro poesie e chiedeva loro spiegazione di esse, tuttavia si rese conto che anche i poeti erano meno sapienti di quanto potesse aspettarsi:
”...così anche dei poeti in breve conobbi questo, che non già per alcuna sapienza poetavano, ma per non so che naturale predisposizione, abilità e ispirazione, come gli indovini e i vaticinatori; i quali infatti dicono molte cose e belle, ma non sanno niente di ciò che dicono: lo stesso, lo vidi chiarissimamente, è quello che accade anche dei poeti. E insieme capii anche questo, che i poeti, per ciò solo che facevano poesia, credevano essere i più sapienti degli uomini anche nelle altre cose in cui non erano affatto.”
Sconfortato si rivolse quindi agli artisti, e pur trovandoli sapienti più di lui in ciò che riguardava le loro capacità creative, notò anche in loro il medesimo difetto che aveva trovato in politici e poeti:
”... anche i bravi artefici notai che avevano lo stesso difetto dei poeti: sapendo esercitar bene la loro arte, ognuno di essi presumeva di essere sapientissimo anche in altre cose assai più importanti e difficili; e questo difetto di misura oscurava la loro stessa sapienza.”
Alla fine della sua ricerca si ritrovò sempre più solo e calunniato, con molti nemici invidiosi della sua sapienza, la “dotta ignoranza”
. Tuttavia concluse che Dio consultato dall’Oracolo aveva scelto lui per far comprendere che poco o nulla vale la Sapienza dell’uomo in confronto all’immensa incomprensibile Logica e Verità di Dio e della Vita:
“Unicamente sapiente è Dio; e questo egli volle comunicare tramite l'oracolo, che poco vale o nulla la sapienza dell’uomo; e, dicendo Socrate sapiente, non volle, io credo, riferirsi propriamente a me Socrate, ma solo usare il mio nome come esempio; quasi avesse voluto dire così: “O uomini, tra voi è sapientissimo, colui il quale, abbia riconosciuto che in verità la sua sapienza non ha nessun valore”.
Fatta questa premessa, espongo un ragionamento, sapendo che”NON LO SO”. Non so quale sia la verità né in parte, né completa di ciò che accade, perché ci sono cose su cui non ho sufficiente competenza e altre non ho possibilità di verificarle per mancanza di tempo e/o mezzi, e soprattutto non ho facoltà di verità su fatti ed eventi in cui io non sono nemmeno presente fisicamente. Ciò non significa che io non abbia la possibilità e il diritto di avere una mia idea (elastica e trasformabile) sulle cose. E ora la condivido.
Innanzitutto, nella mia ridotta e fallace percezione, posso notare al bar, come sui social network che si creano spesso fazioni -con “menti alveari” come per gli insetti- (ovvero persone che ripetono a pappagallo una o più forme di idee/pensiero indotte dall’esterno), costituite da fratelli e sorelle, non solo dello stesso pianeta, ma pure dello stesso paese, che in questo caso è l’Italia. Vedo fratelli e sorelle italiani, di destra e di sinistra insultarsi, dandosi dei cretini e imbecilli reciprocamente. Poi vedo fratelli e sorelle italiani, pro-istituzioni statali/versione ufficiale delle cose e contro-istituzioni statali/versione ufficiale degli eventi, fare la stessa medesima cosa. E fratelli e sorelle pro e contro l'Unione europea, pro e contro i vaccini, pro e contro l'immigrazione schernirsi a vicenda.
Divide et impera è una locuzione latina il cui significato è dividi e comanda; si tratta di un motto che la tradizione attribuisce a Filippo II di Macedonia, ma la sua origine non è del tutto certa. Essenzialmente sta a significare che seminare l'odio fra i popoli soggiogati, giova a chi li domina.
Per quanto mi riguarda, il RACCONTO che mi faccio della realtà per come la percepisco è questo.
Sotto l’etichetta “complottismo” ci sono diversi tipi di persone. Tendenzialmente prima del contenuto informativo a me arriva “l’energia” o “lo spazio emotivo” da cui proviene un'argomentazione. Puoi portare un’informazione corretta con un tono che la degrada, e puoi dire una cavolata con educazione. Tuttavia, la calma, solitamente per me, è veicolo di una maggiore lucidità e consapevolezza rispetto all'ira o al sarcasmo.
Ci sono persone che sono paranoiche e infelici di loro stesse e della loro vita, e faticando nel guardarsi dentro e prendersi la responsabilità di come si sentono devono trovare ossessivamente fuori di loro uno o più colpevoli riguardo il loro vissuto e, soprattutto, convincersi di questo, cercando di convincere gli altri. Così la colpa è del governo, delle religioni, della massoneria, delle banche, del sistema, delle multinazionali, del personaggio pubblico o politico influente ecc. ecc.
Nella mia esperienza di auto-osservazione mi sono accorto di come anni fa per esempio c’erano leader politici che riuscivano a scatenarmi fastidio e ira. Ho scoperto -non ci voleva genialità, ma semplice maturità- che maggiore è il fastidio (che è sempre soggettivo e solo dentro di me, altrimenti infastidirebbe tutti nella stessa maniera) più questo indica che il politico mi aiuta ad osservare parti ombra rinnegate e sepolte nel subconscio, o ferite che riguardano soprattutto il rapporto (dentro di me) coi miei genitori, specie col padre (che rappresenta in famiglia, di solito, l’autorità).
Quando ho fatto pace (dentro di me) con mio padre, ho smesso di provare fastidio.
Sono passato dal Giudizio al semplice Discernimento, cioè se uno è un furbone manipolatore e ladro, lo vedo bene, ma non mi fa più scattare rabbia e aggressività come in passato, sentimenti che poi tendevo a scaricare con insulti e sberleffi nei post sui social. Niente più “pezzo di merda!” o “mi fai schifo!” o “vergognati!”. Vedo bene sia Berlusconi, che Renzi, Salvini, Meloni, Di Maio, Conte e compagnia bella e sento chiaramente l’Energia che emana ognuno di loro da come si muovono, dal viso, dalla loro fisiognomica, da come parlano (voce, timbro, ritmo, intensità, frequenza e linguaggio utilizzati), ma non avverto alcuna necessità né di offenderli, né di prenderli in giro ai quattro venti.
Ricordiamoci che c’è una Legge (pare vera e funzionare nella mia esperienza) che dice che l’Energia va dove va il mio Focus (Fuoco) e la mia Attenzione. Cioè, accanirsi contro qualcuno o qualcosa, in realtà ne alimenta il potere. Inoltre noto che chi urla o dice agli altri di “svegliarsi” tendenzialmente sta dormendo profondamente, e lo dico perché in passato facevo lo stesso, e perché le persone più in gamba e sveglie che conosco non sentono la necessità di svegliare nessuno, tanto meno si arrabbiano con facilità se vedono gli altri in letargo. Non correggono gli altri, al massimo sé stessi. Sono da esempio, non di consiglio.
Ricordo quando ero piccolo, e mia nonna che probabilmente era una democratica-cristiana, pregava la Madonna di proteggere tutta la famiglia con infiniti mantra cristiani (rosari). Non l'ho mai vista scendere in piazza a manifestare contro qualcuno, ma l'ho osservata far entrare in casa e far sedere al tavolo “vu cumprà” che citofonavano per vendere i tappeti, dargli un piatto di pasta e farli uscire con un sacchetto della spesa con dentro cibo, verdura e qualche frutto, e non avrebbe mai fatto un selfie da postare in rete per far vedere che era buona e generosa. Ma coi comportamenti mi ha insegnato cosa vuol dire ACCOGLIENZA. Mi è capitato di leggere libri di un certo Ashida Kim, che parla dei Guerrieri Ninja e della loro arte di combattimento. Il Ninja sa essere invisibile, non si veste come un Ninja, non si presenta come un Ninja, se deve, farà in modo di apparire come uno stupido, in modo tale che non diresti mai che è un Ninja. Ha perfetta gestione del proprio stato emotivo perché sa che odiare il nemico e affrontarlo in preda all'aggressività lo porterebbe a non avere lucidità e a perdere facilmente la battaglia, anzi lo rispetta e lo teme il giusto, poiché più il nemico è in gamba più lo aiuterà a notare i propri punti deboli.
Detto ciò, ammettendo per ipotesi di essere iper-sorvegliati con sistemi di controllo e tecnologie create da gente spietata, in una specie di regime celato, allora io dico, starei molto attento a espormi in pubblico con superficialità, perché al momento della resa dei conti sarei il primo che verrebbero a cercare. No?
Tornando, invece, al “Complottismo” o alle “Teorie della Cospirazione”, c’è da dire che queste etichette, innanzitutto si riferiscono a cose e fatti che sono sempre esistiti nella storia dell’umanità, e l’espressione “Teoria del Complotto” è stata riutilizzata in maniera costante dai servizi di intelligence americana dal 1967 dopo l’omicidio di Kennedy (https://unoeditori.com/teoria-del-complotto-il-memo-segreto-della-cia-dallassassinio-di-jfk/se si vuole rompersi le scatole si possono trovare con un po’ di ricerca i documenti desecrati che ne parlano anche sui siti ufficiali).
Lo dico perché ora voglio trattare della cosiddetta “Ingenuità”.
Per esempio, a specchio, c’è chi insulta e schernisce i “gomblottisti”, a prescindere dall’informazione o dai contenuti, e divengono negazionisti di qualsiasi idea vada contro a qualsiasi versione ufficiale di qualsiasi fatto. Non so se sia così, ma in queste persone mi pare di constatare una completa negazione del “Lato Oscuro della Forza”. Il male, la manipolazione, l’arrivismo e tutte le debolezze umane, non devono esistere, o al massimo possono esistere nel banale quotidiano, nel capoufficio, nel caporeparto, nel collega, nel conoscente che vuole farmi le scarpe, nel venditore di pentole, ma non posso accettare che le autorità prendano per i fondelli me, e tutta la popolazione, specie se a farlo è il burattino manovrato che ho scelto di votare.
Se mi infastidisce un post su di un complotto, (la maggior parte sono effettivamente ridicoli) innanzitutto il fastidio è in me. Se sento una pulsione per dire a qualcuno di stare zitto perché fomenta la paura e la confusione, allora sprono ad essere più attenti a che emozioni generano i tg e i talk show che divulgano la “verità” e per coerenza bombardare di mail le redazioni di questi istituti mediatici.
Ci sono filmati in rete in cui si vedono i cittadini Tedeschi che furono accompagnati -INCREDULI- a vedere coi loro occhi cosa fosse accaduto nei campi di concentramento negli anni ’40, perché era “impossibile” (o una “teoria del gomblotto”) che qualcuno utilizzasse esseri umani come schiavi, li uccidesse col gas, ne facesse del sapone e ne bruciasse i corpi nei forni crematori.
Vi riporto uno degli articoli più famosi della storia del giornalismo italiano. L’autore è Pier Paolo Pasolini, uno dei più grandi intellettuali della storia d’Italia (https://it.wikipedia.org/wiki/Pier_Paolo_Pasolini) e il titolo dell’articolo è “Cos’è questo golpe? Io so” del 1974 (https://www.corriere.it/speciali/pasolini/ioso.html) nel quale parla di diverse stragi avvenute in quegli anni e fa accuse pesanti che vanno contro la versione ufficiale data dalle autorità. Se questo articolo fosse stato scritto e pubblicato oggi (ma oggi sul Corriere della Sera sarebbe altamente improbabile), Pasolini sarebbe stato accusato di “gomblottismo”, paranoia o populismo.
Nel 1895 la prima volta che i fratelli Lumière proiettarono un cortometraggio dal titolo “L'arrivo di un treno alla stazione di La Ciotat”, (https://www.youtube.com/watch?v=vR_7QCA9jEI) la leggenda dice che diversi spettatori vedendo il treno avvicinarsi scapparono dalla sala per paura di essere investiti dal treno che “stava arrivando”.
Chi è stato in uno studio televisivo (a me è successo) sa bene che quello che la gente vede a casa è solo un montaggio e manipolazione di ciò che è avvenuto o avviene in uno studio. Chi si occupa di marketing, pubblicità e comunicazione e ha collaborato a girare uno spot (a me è capitato) sa quali raffinate tecniche di ancoraggio di stati emotivi e ipnosi vengano utilizzate nei “consigli per gli acquisti”.
Nelle case di milioni di persone c’è uno schermo che veicola “intrattenimento” spesso di basso valore etico/culturale/sociale che viene finanziato in parte dal canone (per le emittenti pubbliche) e soprattutto dagli introiti che arrivano da chi acquista spazi pubblicitari. Secondo voi, chi è che influenza la linea editoriale di una tv? Chi ha il potere di veto su certe informazioni piuttosto che altre? Chi e con che mezzo ha convinto la maggior parte della popolazione che “se non lo dice il TG, non può essere vero”?
Il giorno in cui il concetto di benessere/salute/sanità è stato agganciato a quello di “profitto”, può essere che l’interesse pubblico e della popolazione sia venuto un po' meno? Per esempio, se in tv ti spiego costantemente (ti martello la mente) che se hai mal di testa è perché sei stressato e intossicato, diventa difficile venderti la pillola che te lo fa passare.
Se in tv ti spiego costantemente (ti martello la mente e ti terrorizzo a riguardo) che sale, zucchero, farina e latte non fanno bene all’organismo e in grandi dosi sono velenosi, ingolfano l'intestino e alterano anche la lucidità e le prestazioni cognitive, così come anche i cibi raffinati, come faccio a venderti merendine e cibo spazzatura con degli spot?
Molti produttori di armi, sono azionisti di grandi industrie alimentari e farmaceutiche. Le armi si vendono quando si fanno le guerre. Nelle guerre muoiono milioni di persone e BAMBINI. Per fare le guerre bisogna convincere un popolo che sia necessario andare in guerra. Che tipo di moralità possono avere persone che vogliono le guerre? Come si può convincere gente sveglia a fare le guerre?
Cito un altro fatto storico, che può essere utile per ampliare le possibilità interpretative di ciò che accade nell’attualità. “Nel 1994 l'ex ministro della Sanità, Francesco De Lorenzo (https://it.wikipedia.org/wiki/Francesco_De_Lorenzo), viene arrestato in relazione a tangenti per circa nove miliardi di lire ottenute da industriali farmaceutici dal 1989 al 1992, durante il suo ministero. Per questo verrà poi condannato in via definitiva a 5 anni e 4 mesi di reclusione. Nel 1991, insieme a Duilio Poggiolini, direttore generale del servizio farmaceutico nazionale, decise l'obbligatorietà del vaccino contro l'epatite B. A convincerlo è anche una tangente da 600 milioni di lire pagata dalla Glaxo SmithKline, unica azienda produttrice del vaccino.”(https://www.lapresse.it/cronaca/sanita_25_anni_di_scandali_da_poggiolini_al_caso_rizzi-259106/news/2016-02-19/).
Se uno scienziato, un medico, un virologo, o l’organizzazione mondiale della sanità attraverso i suoi portavoce parla, io sto zitto e ascolto perché in due ore, o due giorni, su internet non posso compensare lo studio fatto per anni da chi si è preso la briga di laurearsi -e io, tra l’altro, per lo stato legalmente sono solo un Perito Commerciale (o ragioniere), ma vi sconsiglio caldamente di rivolgervi a me per qualsiasi questione contabile, lo sa bene il mio commercialista- tuttavia cerco di ricordarmi che spesso la ricerca è finanziata da chi deve vendere farmaci per fare un profitto, e constatando su me stesso, nella mia esperienza, che a volte la mia stessa dignità e onestà intellettuale è venuta meno per un piatto di lenticchie in diverse occasioni nel passato, pur rimanendo fiducioso nell’essere umano, mi ricordo che la storia insegna che l’ego, la sete di potere e ricchezza possono causare danni enormi, le cui responsabilità a volte vengono accertate solo col passare del tempo... degli anni... dei decenni.
“Io non so”. Le certezze le lascio ad altri. Ma so che nella selva amazzonica o negli oceani esistono animali mansueti, come anche predatori e squali. Non sono così ingenuo da pensare che non ne possano esistere anche nella nostra giungla metropolitana, e nella mia percezione fanno il loro mestiere molto bene.
Tuttavia, ho una visione mistica dell'Esistenza. L'Energia della Vita e la sua Intelligenza è in ogni cosa, anche nei predatori. La Natura insegna che sa anche essere spietata, e questo avviene spesso per motivi incomprensibili alle nostre piccole menti, perché non abbiamo la Visione Completa e Globale di Tutto lo spaziotempo. Pensare che Dio/Dea o questa Energia/Intelligenza Sistemica non esista è legittimo, ma dal mio punto di vista discutibile. Se guardo lo scarabocchio di un bambino, posso coglierne l'intelligenza che vi è dietro, quindi perché non posso riuscire a farlo osservando la foglia di un albero che ha una perfetta simmetria, e mi riduco a pensare che sia “un caso”? Einstein diceva che “Caso è la Via che Dio usa quando vuole restare anonimo”.
Nel mio piccolo sono guidato da una qualche forma d'intelligenza, e sono in grado di disegnare un mandala, che in un qualche modo è una rappresentazione dell'universo. Mi sentirei molto arrogante nel pensare che questo non possa avvenire anche a livello macroscopico e universale osservando il nostro pianeta e tutte le galassie. Questo ragionamento non è in alcun modo scientifico. Ma cosa ti dice il tuo Sentire, il tuo Intuito, il tuo Cuore?
Per concludere, voglio ricordare come Socrate, dopo la sua condanna a morte, terminò la sua difesa di fronte a chi lo aveva condannato con queste parole: "Ad una persona buona non può capitare nulla di male: né in vita, né in morte. Le cose che la riguardano non vengono trascurate da Dio".
Ora, scusate, vado a fare la spesa, metto la mascherina e i guanti, mantengo le distanze di sicurezza, perché potrei essere asintomatico o potrei incrociarne uno. Se dovessero fermarmi polizia o carabinieri, chiederò loro “Come va?” e li ringrazierò per il loro lavoro.
Ps.: ricordo a tutti l'Articolo 21 della Costituzione. C'è chi è morto affinché fosse scritto e divenisse legge. Ognuno ne faccia buon uso.
“Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione. La stampa non può essere soggetta ad autorizzazioni o censure.”

29 novembre 2019

L'Aquila Arcobaleno (Quando l'Anima Risplende)


Sovrasta lo spazio, anticipa il tempo, scorge il futuro di ciò che accadrà. 
Visione completa contempla il tutto, alto è il volo di quest'Aquila... 
alto è il volo di quest'Aquila. È il volo di un'Anima che gioca 

Saggezza che vola in alto nel cielo 
È il volo dell'Aquila che Ama 
È un Cuore infuocato che batte e splende 
È il volo di un'Anima che Danza 

Distende le ali, piume e colori, plana sul mondo con maestosità. 
Nessuno l'affronta, nessuno la insidia l'Amore è la Forza di quest'Aquila... 
l'Amore è la Forza di quest'Aquila È il volo di un'Anima che Ama. 

È il volo dell'Aquila Arcobaleno 
È il volo di un'Anima che Ama 
È il volo dell'Aquila Arcobaleno 
È il volo di un'Anima che Danza. 

Nessuna paura in questo istante, la Forza la guida presente e potente. 
Il suo Coraggio porta Armonia, Fortuna e Gioia per chi la incontra... 
Fortuna e Gioia per chi la incontra È il volo di un'Anima che Brilla. 

È il volo dell'Aquila Arcobaleno 
È il volo dell'Aquila che Ama 
È il volo dell'Aquila Arcobaleno 

È il volo dell'Aquila che Incanta 

Saggezza che vola in alto nel cielo 
È il volo dell'Aquila che Ama 
È un Cuore infuocato che batte e splende 
È il volo di un'Anima che Danza 

È il volo di un'Anima che Brilla 
È il volo di un'Anima che Ama

Non insegnate ai bambini

Non insegnate ai bambini non insegnate la vostra morale è così stanca e malata potrebbe far male forse una grave imprudenza è lasciarli in b...